Adotta anche tu un piccolo Pride

varese pride

Varese, Milano, Madrid.

Questi i miei Pride del 2016. E se gli ultimi due non hanno certo bisogno di presentazioni (quello di Milano è il Pride della mia città e ve ne ho parlato più volte lo scorso anno; quello di Madrid, con quasi 2 milioni di partecipanti, è il più grande d’Europa), meno scontata è la scelta di Varese.

Credo sia fondamentale sostenere i Pride che si svolgono nelle città medio-piccole. Significa dare un segno di vicinanza e solidarietà alle comunità LGBT locali, che si trovano a vivere in realtà spesso chiuse e omofobe. Significa contribuire, almeno per un giorno, alla visibilità delle persone LGBT di quella città, sfidando gli sguardi giudicanti di chi continua a non capire. E visibilità, come sappiamo bene, è la parola chiave per la rivendicazione dei diritti civili. Non è un caso che il messaggio politico del Varese Pride sia (R)esistiamo.

Sono nata a Lecco (48.000 abitanti, una lunga e pervasiva tradizione leghista e ciellina, neanche un cinema sopravvissuto alla crisi delle sale: giusto per dare due pennellate sulla situazione politica, sociale e culturale) e so bene quanto sia difficile, per una persona LGBT, vivere la propria giovinezza in un contesto simile. Bene che ti vada, passerai quelli che dovrebbero essere gli anni della spensieratezza nel silenzio, nascondendo la tua identità e i tuoi sentimenti, spesso anche alle persone che ti sono più vicine. Nella peggiore delle ipotesi, se sceglierai di fare coming out, o se ti faranno outing, è altamente probabile che verrai preso in giro, emarginato, forse anche bullizzato. Ti sentirai un marziano, per anni penserai di essere l’unico fatto così. Fortunatamente, oggi, la situazione è meno cupa rispetto a quella che ho conosciuto io ai miei tempi (oddio, mi sento vecchia!). Da qualche anno le cose stanno cambiando, nascono luoghi di incontro e occasioni di condivisione per le persone LGBT, e l’associazione Renzo e Lucio sta facendo un ottimo lavoro per quanto riguarda la sensibilizzazione della cittadinanza. Penso e spero che sia così anche per altre realtà di provincia. Ma la strada da fare è ancora lunga. Al Nord come al Sud.

Il Pride di quest’anno è il primo per la città di Varese. Una città tradizionalmente di destra, in cui la vita per le persone LGBT non è facile. Per darvi un’idea delle tante difficoltà che gli organizzatori devono affrontare, vi sintetizzo solo l’ultima: a tre giorni dal corteo, la Questura ha modificato il percorso in modo tale che non passi dal centro. Inoltre ha modificato la piazza finale da piazza Monte Grappa a piazza Ragazzi del ’99, che è un parcheggio chiuso, a causa della presenza della sede di un partito politico (a quanto pare la Lega) in Corso Matteotti. Il mesaggio è chiaro: fatevi pure il vostro Pride, ma senza farvi vedere dalla brava gente.

Per queste ragioni ho deciso di partecipare al Pride di Varese. E vi invito tutti ad adottare (almeno) un “piccolo Pride” ogni anno. Ora e negli anni a venire.

Qui il calendario di Onda Pride 2016. Il corteo di Pavia è già passato (11 giugno), ma sono ancora molti i piccoli Pride che aspettano il vostro sostegno!

 

Annunci
Adotta anche tu un piccolo Pride

Come faccio a spiegarlo a mio figlio? Così

Tra le tante pseudo-argomentazioni degli allarmisti no-gender, tra le tante farneticazioni portate a sostegno del loro presunto diritto a discriminare, c’è anche il grande must: “Sono contro le unioni gay perché… come faccio a spiegarlo a mio figlio?”

A parte che, se non sei capace di spiegare a tuo figlio una cosa semplice e universale come l’amore, stai dimostrando di non essere un gran che come genitore, generalmente i bambini (sì, anche i tuoi) si rivelano molto più avanti di voi adulti omofobi. Semplicemente non fanno una piega. Fanno domande, certo. Sono bambini e i bambini fanno tante domande, chiedono tanti perché. Ma se quelle domande innocenti ti fanno paura il problema sei tu. Il problema è la tua omofobia. E il tanto sbandierato “diritto di educare i figli secondo i propri principi” (che di solito sottende un terrorizzato ripudio dell’inesistente “teoria del gender”) non significa avere il diritto di farne dei piccoli omofobi a vostra immagine e somiglianza.

E allora, come potete fare a spiegare ai vostri figli che sì, anche due uomini o due donne possono amarsi? Bastano poche semplici parole.

Stamattina il disegnatore Matteo Bussola, sulla sua pagina Facebook, ce ne ha dato un bellissimo esempio.

Stamattina, mentre andavamo a scuola in auto, Ginevra mi ha chiesto dell’amore.
“Papà”, ha detto cogliendomi di sorpresa, “ma due donne possono sposarsi?”
Prima di rispondere ci ho pensato molto bene, avrei tanto voluto che al mio posto ci fosse la mamma.
“No”, le ho detto per non mentirle, “nel nostro paese no, però possono volersi bene e vivere insieme.”
“Come te e la mamma?”, ha detto.
“Sì”, ho detto.
“Ma perché non possono sposarsi?”, ha detto.
“È un discorso difficile, Ginevra”, ho detto. “In certi paesi possono, da noi ancora no.”
“A Sant’Ambrogio possono?”, ha detto.
“No, Ginevra, non intendevo paesi paesi”, ho detto, “intendevo stati come l’Italia.”
“Ma io a Sant’Ambrogio ho visto due ragazze che si baciavano”, ha detto.
“Non c’è niente di male, Ginevra”, ho detto, “tutti se si vogliono molto bene possono baciarsi.”
“Anche i maschi?”, ha detto.
“Se si vogliono tanto bene, sì”, ho detto.
Ha fatto una pausa che pareva una rincorsa.
“Papà”, ha detto, “ma quando si sposano due donne come fanno a volersi bene?”
“Come fanno tutte le persone del mondo”, ho detto. “Col cuore.”
“Dentro al cuore c’è il bene?”, ha detto.
“Dentro al cuore c’è tutto”, ho detto.
“Perché?”, ha detto.
“Perché il cuore è come un grande armadio, Ginevra”, ho detto. “Ci sono dentro prima di tutto le persone che hai scelto, poi c’è il ripiano dei baci, i cassetti degli abbracci, gli appendini degli sguardi, gli scaffali del male e quelli del bene. Tutto.”
“Melania ha il cassetto dei lecconi sulla faccia!”, ha detto.
“Vero”, ho detto ridendo.
“Papà”, ha detto.
“Cosa?”, ho detto.
“Nei cuori ci sono anche l’amore, vero?”, ha detto.
“Sì, ma non si dice ci sono, Ginevra”, ho detto. “Si dice c’è, l’amore è singolare.”
“Non è vero!”, ha detto seria. “L’amore sono tanti.”
Mi sono zittito e non l’ho corretta più, perché l’amore sono tanti anche secondo me.
Che peccato che ci siano persone che non lo capiscono, ho pensato.

Proprio così, piccola Ginevra. L’amore sono tanti. E non c’è da averne paura.

Love is love

Come faccio a spiegarlo a mio figlio? Così

Ddl Cirinnà: il prezzo dei diritti e la disobbedienza fiscale LGBT

Ultimamente ho scritto poco, per un senso di stanchezza e sconforto che forse mi perdonerete. E ne sono successe di cose nelle ultime settimane! Per recuperare almeno parzialmente, lasciatemi iniziare con una breve parentesi irlandese.

Nei giorni scorsi si è molto parlato dello storico referendum con cui la stragrande maggioranza degli irlandesi ha detto yes al matrimonio egualitario. L’Irlanda, che nella nostra testa – in modo automatico e forse un po’ stereotipato – associamo subito all’aggettivo “cattolicissima”, come se il sintagma fosse scolpito nel marmo, ci ha sorpresi tutti scoprendosi anche laica e democratica e diventando il primo paese al mondo a istituire il matrimonio egualitario per via referendaria. Il referendum ha avuto alcuni grandi meriti: 1) ha dimostrato chiaramente che su questi temi la società è molto più avanti della politica, 2) ha mostrato alla Chiesa che un cattolicesimo rispettoso dei diritti LGBT è possibile, 3) ha rilanciato il dibattito anche da noi, smascherando ulteriormente il ritardo dell’Italia e il gioco al ribasso di Renzi sulle unioni civili. Nonostante questi indubbi meriti, resto del parere che i diritti civili non debbano dipendere dalla pancia e dalle lune di una maggioranza di cittadini. Trovo anzi inquietante che una maggioranza sia legittimata a pronunciarsi sui diritti, e quindi sulla vita, di una minoranza. I diritti dovrebbero essere tutelati per via politica, non referendaria. Chiusa la parentesi irlandese.

IMG_2153

Stanchi e frustrati di dover festeggiare periodicamente l’approvazione del matrimonio egualitario all’estero, torniamo alle tristi vicende italiche. Eh sì, perché noi, per quanto si possa essere felici per gli amici irlandesi, ci saremmo anche un po’ rotti di festeggiare le conquiste civili degli altri: vogliamo uguali diritti qui, nel nostro paese! E invece qui siamo ancora al Medioevo, al vuoto legislativo, a un dibattito pubblico inquinato da stereotipi e insulti.

Come sapete, a maggio il ddl Cirinnà sulle unioni civili è approdato alla commissione Giustizia del Senato. Nel tentativo di ostacolarne l’iter, i catto-talebani di destra hanno presentato 4300 emendamenti, la maggior parte dei quali assurdi e pretestuosi. D’altra parte, quando non si hanno ragioni valide per negare i diritti a una minoranza, occorre lavorare di fantasia. Leggiamo, per esempio, uno dei tanti emendamenti presentati dal caro Giovanardi:

Sostituire il comma 1 con il seguente: «Due persone dello stesso sesso costituiscono un’amicizia civilmente rilevante quando dichiarano di voler (esclusivamente per interessi altamente meritevoli di riconoscimento da parte dell’ordinamento nazionale) fondare tale unione a mezzo reciproca raccomandata con ricevuta di ritorno in plico, ovvero a mezzo posta elettronica (eventualmente certificata) inviata per conoscenza all’Ufficiale di Stato Civile della residenza di entrambi i concubini».

All’indomani del referendum irlandese, molti esponenti della destra italica non hanno mancato di esprimere il loro illuminante commento. Giorgia Meloni: “”No al matrimonio tra persone dello stesso sesso: sarebbe una spesa enorme per lo Stato e una inaccettabile apertura alle adozioni gay”. Renato Brunetta“L’unico legame che deve essere destinatario delle risorse del welfare deve essere quello della famiglia”. Entrambi sembrano dimenticare che anche i cittadini omosessuali contribuiscono al welfare del paese, oltre che agli stipendi dei politici.

Una delle argomentazioni che sentiamo spesso ripetere dalla destra omofoba contro il matrimonio egualitario e le unioni civili è proprio di natura fiscale. Sostengono che le pensioni di reversibilità per le coppie omosessuali costerebbero troppo per il sistema pensionistico italiano. Oltre a essere falso – e lo spiego oltre – questo ragionamento è anche profondamente scorretto da un punto di vista etico: i diritti civili sono una questione di uguaglianza sociale, e da un punto di vista etico è scorretto pretendere che siano proporzionali al loro costo per lo Stato. La loro concessione non può dipendere da una logica di convenienza economica (convenienza che, ovviamente, va a tutto vantaggio dello Stato e a discapito dei cittadini LGBT). In altre parole, i diritti civili non hanno prezzo.

Se io vi proponessi: “Aboliamo il diritto di matrimonio degli ebrei, perché le loro pensioni di reversibilità costano troppo!” – questa frase non vi farebbe rabbrividire? Applicando la stessa logica di convenienza economica, perché allora non negare il diritto di matrimonio agli etero visto che, per ovvie ragioni, le loro pensioni di reversibilità costano molto di più? Oppure ai corrotti, ai delinquenti, ai mafiosi: se dobbiamo farne una questione economica e non di uguaglianza, mettiamoci anche un pizzico di “meritocrazia”. E invece no: in Italia possono sposarsi tutti, anche i corrotti, gli evasori, gli assassini, i violentatori, i mafiosi. Ma gli omosessuali no.

A marzo, intervenendo nel distorto dibattito pubblico sulle unioni civili, Alfano l’ha sparata grossa: la pensione di reversibilità per le coppie omosessuali costerebbe 40 miliardi di euro. Falso! Le pensioni di reversibilità delle sole coppie etero (che sono circa 14 milioni) ammontano infatti a 37,8 miliardi (dato del 2013). La cifra sparata da Alfano, quindi, non è assolutamente verosimile.

Altre volte, invece, gli oppositori del matrimonio egualitario tendono a sminuire i pochi dati esistenti riguardo alle coppie omosex conviventi in Italia, affermando che la questione riguarderebbe solo poche persone: ne conseguirebbe, quindi, che i diritti LGBT non possono essere una priorità per la politica italiana. Alfano e i suoi sodali si mettano d’accordo una buona volta: siamo troppi o siamo troppo pochi?

Ma torniamo alla questione delle pensioni di reversibilità. Quante sono, in Italia, le coppie omosessuali conviventi? Non lo sappiamo di preciso, perché molti ancora preferiscono non dichiararsi nei censimenti. Secondo l’Istat, nel 2011 le coppie conviventi dello stesso sesso erano solo 7513. Un dato certamente sottostimato.

Per fare una stima di quanto potrebbero costare le pensioni di reversibilità delle coppie omosessuali, è necessario quindi operare delle proporzioni a partire dai dati di paesi che hanno una struttura demografica simile alla nostra. È quanto ha fatto un’indagine di Termometropolitico.it, pubblicata a gennaio, che purtroppo – come spesso succede – non ha avuto eco sui media italiani.

Calcolando la stessa proporzione francese, ovvero di 1,331 coppie ogni 1000 abitanti, da noi ce ne dovrebbero esere circa 78 mila quindi più dieci volte la proporzione attuale.

Se attualmente a fronte di 14 milioni di coppie [eterosessuali] si produce un esborso per lo Stato di 37,8 miliardi annui, aggiungendone altre 78 mila si dovrebbero calcolare proporzionalmente 210 milioni di € in più, sempre annui.

Si tratta di un costo esiguo effettivamente, e si devono considerare altri fattori:

i matrimoni stanno diminuendo, vi saranno quindi sempre meno vedovi e vedove;

l’età media si alza, e quella degli uomini più di quella delle donne, chi rimarrà vedovo lo farà più tardi e vi rimarrà per meno tempo;

– le coppie gay essendo costituite da persone dello steso sesso non sarebbero comunque influenzate dal gap di vita media tra i coniugi, quindi una durata anche qui minore della vedovanza.

Sono considerazioni che portano a credere che se vi deve essere una correzione ai dati sulla reversibilità sia per etero sia per gay per il futuro è comunque più probabile sia al ribasso.

Qualche settimana fa, in occasione dell’inizio della discussione parlamentare sul ddl Cirinnà, il sito articolo29.it ha pubblicato un’indagine dell’INPS sulle pensioni di reversibilità delle coppie omosessuali.

Nello studio dell’INPS si rileva, difatti, come nel primo anno di entrata in vigore della legge, 2016, l’onere per lo Stato sarebbe pari a soli 100.000 euro, che diverrebbero 500.000 nel 2017 sino a raggiungere i 6 milioni di euro nel 2025. Dunque importi assolutamente risibili per il bilancio dello Stato.
L’INPS ha calcolato tali oneri con riferimento non al numero di coppie gay e lesbiche stimate in Italia dall’Istat (che sarebbero solo 7.500, cifra ritenuta sottostimata), ma approssimandosi al numero di coppie che hanno celebrato unioni civili in Germania nel primo decennio dall’entrata vigore dell’analoga legge i i vigente (ben 35.000 unioni civili). Si tratta, peraltro, di una previsione probabilmente eccessiva se si tiene conto che quel paese ha una volta e mezza gli abitanti dell’Italia.

I due studi non giungono agli stessi risultati, ma dimostrano che la spesa pubblica per le pensioni di reversibilità delle coppie omosessuali sarebbe esigua, ben lontana dalle cifre sbandierate come uno spauracchio dalla destra.

È ormai evidente come l’argomentazione della destra riguardo ai costi per lo Stato sia falsa e strumentale. L’augurio è che nella discussione parlamentare sul ddl Cirinnà tali menzogne vengano sbugiardate e ignorate.

Se vogliamo diventare un paese civile, è necessario che il dibattito pubblico non venga inquinato da sparate “alla Alfano” e che sia i politici sia i media la smettano di dare risalto ad affermazioni infondate e pretestuose. C’è quindi da chiedersi come mai i grandi quotidiani e le TV sistematicamente non diano notizia degli studi che abbiamo appena citato, né di dati significativi provenienti da paesi a noi vicini (come per esempio la Francia, di cui abbiamo parlato un mesetto fa).

Da ultimo, occorre sottolineare come l’Unione europea si sia già espressa sulla questione delle pensioni di reversibilità, affermando che un istituto giuridico (matrimonio o unione civile) che regolamenti e tuteli le coppie e che non preveda l’estensione delle pensioni di reversibilità anche alle coppie omosex sia da considerare discriminatorio. Nel ddl Cirinnà, quindi, non è possibile espungere il diritto alla pensione di reversibilità: parafrasando il nostro premier, “ce lo chiede l’Europa” (peccato che in materia di diritti LGBT Matteo Renzi si guardi bene dal sottolinearlo).

La ragione per cui Ilga Europe, nel suo ultimo rapporto, ha posizionato l’Italia in fondo alla classifica dei paesi più civili in materia di diritti LGBT (persino al di sotto di alcuni paesi dell’Est) è proprio questa: il totale vuoto normativo in materia di matrimoni e unioni civili. Per non parlare della mancanza di una legge seria contro l’omofobia (e il ddl Scalfarotto, che giace ancora in Parlamento, non lo è). È ben triste dover constatare che oggi, nel 2015, cinque secoli dopo la fine del Medioevo, in materia di diritti e rispetto per le persone LGBT l’Italia si trovi più vicina a paesi in cui l’omosessualità è reato piuttosto che a quelli che, insieme al nostro, hanno fondato e alimentato il progetto europeista.

I cittadini LGBT pagano le stesse tasse dei cittadini eterosessuali, contribuendo non solo ai lauti stipendi dei politici ma anche alle pensioni di reversibilità e agli sgravi fiscali riservati soltanto alle coppie etero (le stesse coppie etero che si separano sempre di più e si sposano in chiesa sempre meno, a dimostrazione – se ce ne fosse ancora bisogno – di come la famiglia cambi nel corso del tempo). Allo stesso tempo, i cittadini LGBT sono privati di diritti civili fondamentali, la concessione dei quali non lederebbe nessuno e anzi permetterebbe alle coppie omosessuali di vivere con maggiore serenità e molti meno patemi.

Eppure la base su cui si fonda – o si dovrebbe fondare – la nostra Repubblica laica e democratica è: uguali diritti, uguali doveri. Un po’ provocatoriamente – ma solo fino a un certo punto – potremmo dire: Abbiamo meno diritti? Ebbene, allora pagheremo meno tasse. Semplice e lineare.

Perché mai dovremmo continuare a contribuire alla res publica nella stessa misura dei cittadini etero, se lo Stato ci riconosce meno diritti? In fondo, se siamo considerati “diversi” e se tale diversità può giustificare una palese differenza di trattamento, allora che lo sia in tutti gli aspetti del vivere comune. Considerarci “uguali” solo quando fa comodo allo Stato, cioè quando c’è da incassare le nostre tasse, è solo una nuova e subdola forma di sfruttamento.

Uguali diritti, uguali doveri, dicevamo. Ma per noi cittadini LGBT la bilancia dei diritti e dei doveri pende nettamente dalla parte di questi ultimi. Forse è davvero il momento di riequilibrare i due bracci della bilancia: semplicemente smettendo di pagare le tasse a uno Stato omofobo. Forse l’unico modo per farsi sentire è adottare una strenua disobbedienza fiscale, vale a dire boicottare uno Stato che ci nega diritti fondamentali. Proprio come abbiamo fatto prima con Barilla e poi con D&G.

Vi lascio con questa provocazione. Per fortuna tra poco arriva il Pride!

11078273_844459878975178_7398846512477657742_n

Ddl Cirinnà: il prezzo dei diritti e la disobbedienza fiscale LGBT

Le sentinelle in piedi e il nostro diritto alla rabbia

Milano, una domenica di aprile. Una soleggiata piazza Sempione fa da cornice al mio primo incontro ravvicinato con le sentinelle in piedi. In precedenza me n’ero ben guardata, per evitare di farmi il sangue amaro. Questa volta voglio vedere, capire, cercare di parlarci, guardarli in faccia. Chissà se avranno il coraggio di guardare negli occhi le persone che stanno insultando? – mi chiedo.

Le sentinelle manifestano nel loro solito format: in piedi, in silenzio, fingendo di leggere un libro (è risaputo che la gente credulona e ignorante tende a rifugiarsi in un’unica verità e in un unico libro). Manifestano per una malintesa libertà di espressione, per un perverso diritto di offendere noi persone LGBT e le nostre famiglie, di sostenere falsità antiscientifiche sul matrimonio e sulla crescita dei figli.

Noi, dall’altra parte dell’Arco della Pace, manifestiamo per il nostro diritto a essere noi stessi e ad amare chi ci pare. Manifestiamo per rispondere alle loro falsità sul ddl Scalfarotto (come già spiegato qui, una legge tutt’altro che liberticida, e che anzi non punisce le affermazioni omofobe in campi delicati come la politica e l’educazione).

La contro-manifestazione è organizzata da due gruppi: il collettivo Le Lucciole, con l’evento “Limoni duri contro le sentinelle in piedi” e i Pastafariani con “Tagliatelle sotto l’Arco“. Due modalità diverse, un unico obiettivo.

Netto e significativo il contrasto tra le due metà della piazza. Da una parte dell’Arco, musica, cori, colori, baci, ironia. Dall’altra, un silenzio di morte. Il silenzio che alberga nel vuoto cosmico dei loro cervelli fermi al Medioevo.

IMG_1743

Fin da subito, appena arrivata in piazza Sempione, sento che dentro di me il sentimento prevalente è la rabbia. Rabbia e indignazione per una manifestazione – quella delle sentinelle – che mi offende come essere umano, prima ancora che come cittadina lesbica. È gravissimo che nel 2015 un gruppo di fanatici si permetta di manifestare in piazza contro una minoranza – tra l’altro priva di diritti e tutele. Evidentemente la storia non ha insegnato nulla. Come può essere legittimo affermare il proprio diritto di offendere una minoranza? Fin dove si può spingere la libertà di espressione? L’insulto e la menzogna antiscientifica sono libertà di espressione?

Come me, molte altre persone sono animate dall’indignazione, dall’esasperazione. Lo leggo negli occhi della gente. Non c’è più solo voglia di cantare e rispondere con ironia. C’è anche voglia di urlare, di sfogare la rabbia, che è cresciuta esponenzialmente in questi ultimi mesi di attacchi, calunnie e provocazioni contro la comunità LGBT.

Nonostante tutto, vogliamo fare un tentativo pacifico e provare a parlare con loro. Io e 4 amiche – specifico: ragazze sui 30, animate da intenti pacifici e armate solo dei nostri sorrisi educati – cerchiamo di avvicinarci alle sentinelle, ma un energumeno in borghese ci scaccia in malo modo. Le due manifestazioni devono rimanere ben separate per evitare tensioni. Li credevo più virili questi maschioni etero, invece si fanno intimorire da una bandiera arcobaleno. Facciamo quindi il giro largo, costeggiando la piazza, e ci ritroviamo di fronte alle sentinelle schierate. Davanti a quel triste spettacolo, restiamo senza parole. In piedi a un metro di distanza l’uno dall’altro, in silenzio, con un libro in mano. Non persone con cui dialogare, ma automi indottrinati. Fanno paura. Mi aspetto che da un momento all’altro inizino a marciare con il passo dell’oca.

Se questo capillare lavoro di indottrinamento e di incitamento all’odio andrà avanti, nel giro di pochi anni questi automi saranno pronti per passare dal silenzio ai fatti. Ai pestaggi e alle rappresaglie contro lesbiche, gay e trans. Per ora il lavoro sporco lo fanno altri: i fascisti di Forza Nuova, ma non solo. Anche comuni cittadini “normalmente omofobi”, accecati dagli stereotipi e incapaci di accettare le differenze. Che anzi davanti alle differenze non riescono a trovare altra risposta se non la discriminazione e la violenza. Come quel padre padovano che proprio pochi giorni fa ha ucciso la figlia lesbica. Gruppi come le sentinelle e guru dell’omofobia come Adinolfi e Miriano, continuando a negare la necessità di una legge contro l’omofobia, si rendono complici, se non addirittura mandanti, di questi crimini.

FullSizeRender
Non persone con cui dialogare, ma automi indottrinati.

Fanno paura, fanno tristezza, ma noi tentiamo lo stesso un gesto distensivo, di pace. Io e una mia amica ci mettiamo a distribuire margherite alle sentinelle. Passiamo per un corridoio tra una fila e l’altra, porgiamo a ognuno una margherita accompagnandola con una frase del tipo “L’amore è bello in tutte le sue forme“. Una banalità, forse, ma non abbiamo tempo per il copywriting. Qualcuno accetta il fiore senza tradire la minima reazione, altri – forse non capendo del tutto il senso delle nostre parole? – abbozzano un sorriso. L’unica a rifiutare il fiore è una signora di mezza età: con un gesto sdegnoso e un ghigno di disprezzo, getta a terra la mia margherita. Sospiro e passo oltre, ma mi prudono le mani. La mia amica procede più veloce e raggiunge il presidio LGBT. Io vengo raggiunta da una portavoce delle sentinelle. Cerca di interrompere il mio margheritaggio rivolgendomi la parola in modo insistente. Inizialmente la ignoro, ma quando ho finito tutte le margherite mi volto verso di lei. Finalmente! Il mio primo incontro ravvicinato con una sentinella in piedi! Chissà quali illuminanti orizzonti mi aprirà?

Mi chiede per la ventesima volta come mi chiamo, mi chiede perché sono lì.

– Dimmelo tu perché siete qui voi.
– Non hai sentito il discorso iniziale? Se vuoi puoi fermarti a sentire il discorso che faremo alla fine. [A quanto pare le sentinelle, non essendo in grado di sostenere un dialogo, preferiscono i discorsi di indottrinamento di massa.]
– No, non l’ho sentito. Non puoi spiegarmelo tu?
– Se vuoi mi fermo a parlare con te alla fine della veglia. [Loro la chiamano “veglia”, come se fosse morto qualcuno: e in effetti pochi giorni fa è morta una ragazza lesbica, per mano del padre, ma a loro non frega nulla di queste morti.]
– Preferirei che me lo spiegassi adesso in due parole. [Cos’è tutta questa ritrosia a spiegare le ragioni di una manifestazione? Mi puzza.]
– Noi non crediamo nelle categorie come invece fate voi.
– Ah, allora sei queer? [Ovviamente la nostra sentinella non sa nemmeno cosa voglia dire “queer”. E infatti…]
– No, sono Raffaella.
– E quindi prossimamente farete manifestazioni anche contro il diritto di matrimonio per i neri? [La provoco, ma ancora una volta non capisce: fa un’espressione stranita e…]
– No, noi non siamo contro nessuno…

Purtroppo non mi sarà concesso sentire dalla sua voce le ragioni per cui sono scesi in piazza a “vegliare” e volantinare falsità sul ddl Scalfarotto. Anzi, del ddl la ragazza non fa menzione. Strano, perché è citato fin dalla prima riga dei loro volantini: sembra anzi proprio quello il pretesto per la loro pagliacciata anti-gay. Perché allora prenderla così alla larga e fare tutto quello sproloquio sulle categorie? Se non sei in grado di spiegarmi in meno di un minuto perché stai manifestando, i casi sono tre: o non è chiaro nemmeno a te, o hai problemi con la lingua italiana, o stai cercando di intortarmi. Veniamo interrotte dall’energumeno in borghese. Mi volto indietro e vedo che i manifestanti LGBT hanno attraversato l’Arco e sono passati dall’altra parte della piazza. La polizia si sta schierando con scudi e caschi a protezione delle sentinelle. Pochi secondi e avrò la strada sbarrata. Pianto là la mia Raffaella e corro a raggiungere gli altri un attimo prima che la piazza venga tagliata a metà dal cordone della polizia.

Il presidio LGBT inizia la contestazione vera e propria contro le sentinelle: cori e baci contro l’omofobia. Qualcuno ha anche portato degli sgabelli di legno, come risposta ironica alle sentinelle in piedi. “Vergogna! Vergogna! Vergogna!”, gridiamo scandendo le parole. “Sen-ti-nel-le-non-vi-vo-glia-mo!”, urliamo ancora. “Chi non salta sentinella è!”, e saltiamo tutti insieme. Per me e per tante altre persone presenti è liberatorio sfogare la rabbia e l’indignazione verso chi ci offende quotidianamente. Negli ultimi mesi l’atmosfera si è fatta pesante, le frequenti dichiarazioni della Chiesa e dei sodali di Adinolfi contro la comunità LGBT hanno alzato la tensione, la nostra esasperazione è sempre più grande.

Ed è proprio per questo che la sera, tornata a casa, mi cadono le braccia quando leggo i commenti su Facebook di chi invece si dissocia dalla nostra contro-manifestazione. In particolare, I sentinelli di Milano e i Pastafariani. Avrebbero preferito che la manifestazione rimanesse nei binari dell’ironia, senza sfociare nelle urla e negli sfottò contro le sentinelle.

Ma gridare “vergogna” alle sentinelle non equivale a un insulto. E anche se fosse, dove starebbe il problema? Davvero dobbiamo farci scrupoli se urliamo cori contro gente che ci offende quotidianamente, che nega i nostri diritti e la nostra dignità? Gente capace di affermare senza pudore: “io i gay li ammazzerei tutti” (commento di una sentinella, ascoltato e riportato da un amico che aveva provato ad avvicinarsi). Le associazioni non possono ignorare la rabbia e l’esasperazione della comunità LGBT. Attenzione: non sto dicendo che debbano cavalcarle (quello sarebbe il tipico comportamento della destra xenofoba e ultra-cattolica, che fomenta e strumentalizza il malcontento della gente per diffondere l’odio). Devono farsene carico per incanalarle nelle manifestazioni, per fare sempre più pressione sulla società e sul governo.

Siamo nel 2015 e a diritti LGBT stiamo ancora a zero: non è più (solo) il momento dell’ironia, è il momento (anche) della rabbia.

Le sentinelle in piedi e il nostro diritto alla rabbia

Il video di ProVita diffonde odio e falsità: ma mentire non è peccato?

L’associazione ProVita – sempre molto attiva nel cercare di rovinare quella altrui – ha lanciato una petizione contro l’insegnamento della fantomatica “teoria del gender” nelle scuole. Di questa assurda e inesistente teoria ho già parlato qui, elencando le falsità dei cattotalebani sulla comunità LGBT.

La petizione è accompagnata da un video – francamente brutto, oltre che menzognero – che in pochi secondi riesce a mettere in fila uno dopo l’altro una serie di stereotipi su omosessuali e transessuali. Un giovane uomo, intento a cazzeggiare davanti alla TV, viene bruscamente interrotto dall’arrivo della moglie e del figlio, sconvolto – a quanto pare – dalla lezione “gender” a cui ha assistito a scuola. L’uomo, di colpo tramutatosi in un attento educatore della prole, chiede spiegazioni alla donna e lei – ravanando nella borsa per un tempo interminabile, forse alla ricerca di quei neuroni che devono esserle caduti da qualche parte – dà inizio alla sagra dello stereotipo e della menzogna. Ma per un buon cattolico mentire non dovrebbe essere peccato?

Il video lo trovate qui, ma personalmente ne sconsiglio la visione ai deboli di stomaco.

screenshot video2

A questo ennesimo exploit omofobo dei cattotalebani, le associazioni LGBT – soprattutto quelle che operano attivamente nelle scuole – hanno il dovere di rispondere subito e in modo fermo.

Tutte queste falsità, tutto quest’odio vanno contrastati. Senza se e senza ma. La “teoria del gender” non esiste: è stata inventata dalle associazioni omofobe (Manif Homophobie pour tous, Sentinelle in piedi ecc.) per contrastare i progetti educativi in cui si parla di omosessualità, bullismo omofobico, rispetto per le differenze. E sì, anche di sessualità, ma sempre in modo consono al contesto e all’età degli studenti: non parliamo di sesso alle elementari (anzi, non ci entriamo neanche alle elementari!), come non parliamo di sesso alle medie, a meno che non siano gli studenti a fare domande specifiche. Capita invece di parlarne nelle scuole superiori, ricordando sempre l’importanza di usare il preservativo.

Non andiamo certo a dire ai bambini che possono fare sesso fin da piccoli, come invece insinua lo scandaloso video di ProVita, e non mostriamo loro immagini che possano turbarli. Spieghiamo loro, invece, che sì, “tutti gli orientamenti sessuali vanno bene”: e questa è l’unica cosa vera che viene detta nel video. Perché mai un orientamento o l’altro non dovrebbero andar bene, visto che sono tutti varianti naturali della sessualità umana?

È sufficiente dire ai vostri figli che anche i gay esistono per sconvolgervi? Perché dovete sapere che i bambini non restano affatto sconvolti quando scoprono le diversità, che siano differenze etniche o di orientamento sessuale: è quando iniziano a diventare più grandi, quando hanno ormai introiettato i falsi stereotipi della vostra cattiva educazione e il vostro pessimo esempio, che diventano intolleranti. Piccoli omofobi crescono: non ci nascono.

Volete crescerli così i vostri figli, dicendo loro che solo l’eterosessualità è moralmente accettabile? E se fossero omosessuali, volete farne dei repressi pieni di sensi di colpa e tic nevrotici? Bene, fatelo pure: ma non pretendete di imporre la vostra visione del mondo limitata e distorta nella scuola pubblica! Vivete e crepate da omofobi ma lasciateci vivere liberi di essere quello che siamo.

E se volete negare questa libertà ai vostri figli, sappiate che state facendo solo il loro male.

Tra l’altro, uno studio ha dimostrato che gli omofobi vivono circa due anni meno rispetto alle persone “normali” (perché si sa: l’omofobia non esiste in natura, esiste solo nella specie umana, quindi non è normale). Non so se sia vero o meno, ma un po’ ci spero.

Il video di ProVita diffonde odio e falsità: ma mentire non è peccato?

I nostri cuori contro la vostra ipocrisia

uguali diritti
Foto di Alice Redaelli

Nel nostro Paese lesbiche, gay e transessuali sono senza diritti da sempre. Sono più di 24.000 i giorni senza diritti a partire dall’introduzione della Costituzione del 1948. Oggi, però, mentre quasi tutte le democrazie occidentali hanno ormai introdotto leggi anti-omofobia e sulle unioni civili, se non addirittura il matrimonio egualitario, ci troviamo letteralmente sotto attacco. Non solo siamo tenuti al guinzaglio delle promesse elettorali del centrosinistra, ma una parte della destra – quella più devota e triviale – sta conducendo una battaglia contro di noi, diffondendo menzogne e distorcendo la realtà. Nella più completa mala fede e supportata dall’ignoranza del popolo bue.

Sabato pomeriggio una folla pacifica, colorata e determinata ha riempito piazza Einaudi a Milano. C’è chi dice ottimisticamente 5.000 manifestanti, c’è chi dice “quattro pirla”. Il numero più credibile mi sembra 2.000 persone. Forse le associazioni se ne aspettavano un po’ di più, ma sappiamo quanto sia difficile coinvolgere la comunità LGBT al di fuori del Pride, e questo è oggettivamente uno dei nostri problemi. Duemila persone nel freddo del gennaio milanese, però, non sono poche. È stata una bella giornata, molte le adesioni da parte di associazioni e partiti locali. È stato bello ritrovare in piazza tanti amici e amiche accomunati dalla voglia di farsi sentire e di controbattere ai cattotalebani.

A poche decine di metri di distanza, nel palazzo della Regione, nell’auditorium intestato al gay Giovanni Testori, si teneva il convegno omofobo voluto da Regione Lombardia con il pretesto di “difendere la famiglia tradizionale”. Ma difenderla da chi?

Forse sarebbe meglio se i bambini li difendessero non dai gay, ma dai loro stessi amici ciellini. E invece che fanno? Invitano tra gli spettatori, seduto proprio dietro al padrone di casa Maroni, don Inzoli, indagato per pedofilia e costretto dal papa a ritirarsi a vita privata. La solita ipocrisia e mala fede dei bigotti.

don inzoli convegno
Don Inzoli al convegno omofobo di Regione Lombardia

Come si è svolto il convegno? Ovviamente nel più pieno rispetto di quella libertà di espressione che gli organizzatori reclamavano quando si trattava di difendere il convegno stesso. Eccone un esempio: uno studente universitario viene dileggiato dal moderatore, insultato, sommerso di fischi e ululati, manco fossimo allo stadio, e infine strattonato e portato via dal palco dopo una domanda “scomoda”. La domanda, che nella sua semplicità ha messo con le spalle al muro la platea, era questa:

Nessuno di voi sa se suo figlio è o non è eterosessuale. In quale maniera pensate di attuare il comandamento dell’amore, quando le terapie riparative sono state condannate…?

E poi la censura. Il microfono viene spento, il ragazzo allontanato.

Dov’è finito quindi il diritto di espressione? Il nostro, per lo meno, dov’è finito? Perché il vostro mi sembra sano e salvo e fin troppo tutelato. Ha pure il cappello della Regione, il logo di Expo sul bavero dei cappotto. È solo il vostro diritto di espressione da difendere e sbandierare? Il vostro malinteso diritto di sparare cazzate sui gay? A quanto pare sì. L’ha fatto capire anche il papa, con le sue parole di pochi giorni fa.

Se il dottor Gasbarri, che è un amico, dice una parolaccia contro la mia mamma, lo aspetta un pugno! Ma è normale! Non si può provocare. Non si può insultare la fede degli altri. Non si può prendere in giro la fede.

Quel “non si può provocare” sembra sottintendere un ulteriore passaggio logico: “quelli di Charlie Hebdo se la sono cercata”. Ricorda tanto il ritornello di chi giustifica la violenza sulle donne: se vai in giro con la minigonna, te la cerchi. Te la meriti la violenza. Sei tu che mi provochi. Quindi non si insulta la fede altrui, ma i gay sì! È legittimo insultarli e diffondere cazzate anti-scientifiche. 

papa francesco

Nella stessa giornata di sabato, la mattina, si è svolto in una scuola milanese un incontro sui diritti LGBT con contraddittorio. Cosa significa “con contraddittorio”? E perché non sottoponiamo a contraddittorio anche i diritti degli eterosessuali? Significa che, durante una cogestione in un liceo, due sentinelle in piedi (chissà se si saranno sedute almeno durante l’incontro) sono andate a presentare le loro cazzate anti-scientifiche dibattendo con i miei colleghi del Gruppo Scuola di Arcigay Milano. Fortunatamente gli studenti si sono dimostrati più avanti rispetto a quei tristi figuri. Segno che spesso il male lo fanno gli adulti, a volte proprio gli insegnanti, cercando di instillare stereotipi negativi nelle giovani menti.

Sempre nella giornata di sabato si è saputo che, dopo Ignazio Marino a Roma, anche il nostro sindaco Giuliano Pisapia è indagato per la trascrizione dei matrimoni omosessuali celebrati all’estero. Una vicenda assurda e kafkiana che testimonia ancora una volta quanto siano agguerrite le forze retrograde che combattono contro i nostri diritti. Cioè contro una parte della società che lavora, paga le tasse tanto quanto gli eterosessuali, e che non ha mai risposto con “il pugno del papa” a tutti gli insulti che ha ricevuto da 24.000 giorni a questa parte. Forse sarebbe il caso di iniziare?

I nostri cuori contro la vostra ipocrisia

Le trite menzogne dei nuovi paladini della libertà

liberta di espressione

Mentre il mondo occidentale si interroga sulla salvaguardia dei valori democratici e della laicità delle istituzioni dopo gli attentati di Parigi, in Italia assistiamo al solito teatrino dell’ipocrisia. I catto-leghisti si scoprono paladini di Charlie Hebdo e con il pretesto della libertà di espressione, anzi manipolandola a proprio uso e consumo, cercano di mettere a tacere chi è diverso da loro: musulmani, immigrati, omosessuali.
Proprio in questi giorni la querelle sul convegno omofobo organizzato da Regione Lombardia ci ha dato modo di ascoltare per l’ennesima volta le menzogne che la destra bigotta va ripetendo sulla comunità LGBT. Distorsioni della realtà operate in mala fede da parte dei politici e diffuse dai media al popolo bue.
Passiamone in rassegna alcune tra le più recenti e cerchiamo di fare chiarezza.

La teoria del gender

Già da diversi mesi i bigotti stanno agitando questo spauracchio.Ma la teoria del gender non esiste: si tratta di un orribile ibrido linguistico inventato ad hoc per infangare l’operato delle associazioni LGBT nelle scuole, distorcendo vergognosamente la realtà. Vi basterà una breve ricerca su Internet per rendervene conto: gli unici a parlare di “teoria del gender” sono siti cattolici e di destra, mentre gli articoli di altre fonti sono tutti volti a smascherare questo falso ideologico. Forse i nostri ignorantissimi bigotti si confondono con i gender studies che nacquero negli anni ’70 in ambito sociologico, politico, antropologico, letterario? Peccato che fossero tutt’altra cosa!

L’accusa dei catto-leghisti è chiara: voi gay andate nelle scuole per convertire gli adolescenti. La verità è ben diversa. A differenza dei bigotti, gay e lesbiche sanno benissimo che non è possibile cambiare l’orientamento sessuale di una persona: e anche se fosse possibile, non è affatto questo lo scopo degli incontri LGBT nelle scuole. Le associazioni LGBT che operano nelle scuole, per esempio il Gruppo Scuola di Arcigay Milano di cui faccio parte da qualche anno, non svolgono “lezioni di teoria del gender”, come si è permessa di dire l’assessora lombarda Cristina Cappellini durante la conferenza stampa in cui è stato presentato il famoso convegno sulla famiglia tradizionale. Addirittura la nostra eroina ha affermato che lo scopo di tali lezioni sarebbe quello di “annullare le identità sessuali”. Farneticazioni di una persona che non conosce l’argomento di cui parla e che anzi tenta in ogni modo di distorcerlo e strumentalizzarlo.

Di cosa parlano quindi i volontari LGBT nelle scuole?

Di bullismo (omofobico, ma non solo), di rispetto per le diversità, di stereotipi (non soltanto sui gay: i nostri studenti sono troppo spesso imbevuti di stereotipi sulle donne), di pregiudizi e discriminazioni. Non si intende quindi “cancellare le differenze tra i sessi”: si fanno anzi riflettere i ragazzi e le ragazze sulle differenze di trattamento che ancora oggi, purtroppo, la nostra società riserva ai maschi e alle femmine. Si riflette, quindi, sulle norme sociali che determinano uno status di privilegio per i maschi a discapito delle femmine. Rispondiamo inoltre alle domande dei ragazzi sulla sessualità e sulle malattie sessualmente trasmissibili: e siamo contenti e fieri di farlo, visto che i nostri adolescenti sono tra i più ignoranti in Europa riguardo alle tematiche sessuali. Organizziamo anche incontri specifici sull’Omocausto, un argomento troppo spesso taciuto nelle nostre scuole.

Che cosa vi fa paura, quindi, di questi incontri? Cosa mai potremmo insegnare agli adolescenti se non il rispetto verso tutte le differenze e l’importanza della parità tra i sessi?

Vi ricordate l’ondata di laboratori multiculturali, a volte un po’ buonisti e naïf, che negli anni ’90 spuntavano come funghi nelle nostre scuole? Io me li ricordo, ero alle medie. Al di là del buonismo e delle semplificazioni (si parlava di “cultura africana” in barba all’infinità di etnie che popolano quel vastissimo continente), qual era lo scopo di quegli incontri? Prepararci alla convivenza pacifica tra diversi, insegnarci a cogliere l’umanità di ognuno al di là delle apparenti differenze. Non so dire se tali laboratori abbiano funzionato: ho qualche dubbio, vista la quantità di cerebrolesi xenofobi che ci sono in giro. Ma nessuno oggi si sognerebbe di vietare un incontro sull’integrazione e sul multiculturalismo della nostra società, né di difendere una presunta libertà di espressione quando essa sfocia nel razzismo. Lo stesso vorremmo che capissero i bigotti, che continuano a distorcere la realtà dei fatti e a gridare allo scandalo per degli incontri a scuola che sono tutt’altro che scandalosi.

Il ddl Scalfarotto sull’omotransfobia limita la libertà di espressione

È stato proprio questo il pretesto per la nascita delle Sentinelle in piedi. Eh sì, perché a questa gente sta molto a cuore la libertà di espressione. Ma solo la sua, quando si tratta di insultare immigrati e gay.

E comunque non è proprio questo il caso, potete smetterla di preoccuparvi. Il ddl Scalfarotto, che tra l’altro è ancora fermo alla Camera, non introduce un reato di opinione: chi si schiera contro il matrimonio egualitario non rischia il carcere, come invece paventano i soliti bigotti dal naso lungo. L’emendamento Verini, infatti, spiega che le norme della legge Mancino sono norme penali che non riguardano i conflitti sulle opinioni.

La cosa grave, però, è che il ddl Scalfarotto sembra legittimare l’omotransfobia in alcuni ambiti: “non costituiscono atti di discriminazione le condotte delle organizzazioni di natura politica, sindacale, culturale, sanitaria, di istruzione ovvero di religione o di culto”. Come dire: se insulti un gay da solo la legge ti punisce, se invece lo fai all’interno di un’organizzazione, la legge chiude un occhio. Una vera manna per tutti quei personaggi che devono la loro notorietà non ai propri meriti politici bensì alle proprie reiterate esternazioni omofobe.

Si tratta quindi di un disegno di legge confuso, che nel tentativo di salvare capra e cavoli ha finito per attirarsi le critiche di tutti: della comunità LGBT, che non si vede abbastanza tutelata, e dei nostri incontentabili catto-leghisti, che temono di vedersi negato il “diritto di insulto”.

I gay non vogliono sposarsi

Questa fa proprio ridere. E perché mai allora sprechiamo tutte quelle energie e quella voce a ogni Pride, a ogni manifestazione, per chiedere uguali diritti, compresi il diritto al matrimonio e all’adozione? Massimiliano Romeo dovrà almeno spiegarci quali e quanti gay conosce, per poter generalizzare la sua affermazione a tutti.

E avanti così. Se non trovi argomentazioni valide e vere per negare i diritti a una parte della cittadinanza, vai di fantasia!

Chiudo con un invito a partecipare al presidio contro il convegno omofobo organizzato da Regione Lombardia con lo scippo del logo di Expo 2015. Qualche giorno fa il segretario del Bureau international des expositions, Vicente Gonzalez Loscertales, ha condannato l’uso del logo Expo in relazione a un evento omofobo e discriminatorio, usando parole forti e parlando perfino di “abuso”. Ma Maroni non ci sente: il logo del prestigioso evento internazionale è ancora là, a certificare la colossale figuraccia del nostro Paese.

L’appuntamento è per sabato 17 gennaio, alle 14, in piazza Einaudi, Milano. Purtroppo la Questura, per ragioni imperscrutabili, ha spostato la manifestazione da piazza Città di Lombardia, dove sorge il palazzo della Regione, a piazza Einaudi, più nascosta. Ma noi saremo tantissimi, riempiremo la piazza e le vie circostanti. Pacifici sì, ma incazzati e determinati!

Le trite menzogne dei nuovi paladini della libertà